Che cosa sono i
CFD su criptovalute?

Che cosa sono i
CFD su criptovalute?

Che cosa sono i
CFD su criptovalute?

Le criptovalute, o valute digitali, stanno rapidamente imponendosi come una delle classi di attivi più scambiate. Ciò è dovuto in gran parte al ruolo potenziale che potrebbero giocare nel cambiare il panorama finanziario globale. Inizialmente, il trading su criptovalute è stato considerato un’attività di nicchia per gli addetti ai lavori in ambito IT, con esperienza di trading, che conoscevano a menadito il funzionamento delle valute digitali e i relativi aspetti tecnici. Questa percezione è cambiata grazie a broker consolidati che offrono ora agli investitori la possibilità di negoziare criptovalute tramite strumenti come i Contratti per la differenza (CFD).

Mentre alcuni investitori preferiscono detenere criptovalute come il bitcoin (BTC), altri optano invece per la negoziazione tramite CFD. I CFD consentono di stipulare un accordo con un broker per un periodo definito, invece di aprire una posizione direttamente sul mercato. Al termine del periodo previsto dal contratto, viene scambiata la differenza tra il prezzo di apertura e quello di chiusura. Prima di negoziare CFD su criptovalute, è importante dare un'occhiata alle valute digitali, alle ragioni della loro crescente popolarità e al modo in cui vengono scambiate.

Che cosa differenzia il trading sulle
criptovalute?

Poiché le criptovalute sono asset digitali che utilizzano la tecnologia blockchain per rendere sicure le transazioni, controllare l'offerta e persino effettuare trasferimenti, la loro negoziazione è diversa da quella di altri asset tradizionali. I movimenti di prezzo delle valute digitali non sono influenzati dai normali fattori economici e politici che causano fluttuazioni nei mercati valutari (c.d. “forex”) e azionari. Le cripto sono invece influenzate da notizie relative alla regolamentazione, alle specifiche comunità dedicate alle varie valute e ai relativi progetti.

Notizie di una possibile regolamentazione, o accettazione, da parte di vari Paesi e governi, disaccordi sugli aggiornamenti all'interno delle comunità delle cripto, attacchi agli exchange dedicati e introduzione di nuovi progetti correlati alle valute digitali sono alcuni importanti fattori che determinano il valore delle criptovalute.

Riportiamo di seguito i principali fattori che influenzano il prezzo delle criptovalute.

1. Offerta - Il numero totale di monete e la velocità con cui vengono rilasciate.

2. Capitalizzazione di mercato - Il valore di tutte le monete esistenti e come si prevede che si muoveranno in futuro i prezzi.

3. Immagine - L'immagine di una particolare criptovaluta e la sua popolarità tra istituzioni e mercati finanziari.

4. Applicazione - L'applicabilità e l'integrazione di una criptovaluta all'interno dell'infrastruttura esistente.

5. Eventi e news - Eventi chiave relativi alla regolamentazione del segmento, a violazioni della sicurezza e al lancio di nuovi progetti.

How Do
Criptovalute
Work?

Il trading su criptovalute richiede molto più che acquisire una certa familiarità con il mercato delle cripto. Saperne di più sulle valute digitali - tipi, caratteristiche, funzionalità e rischi ad esse associati - sarà senz’altro di aiuto a chiunque sia interessato al trading su criptovalute.

A differenza delle valute fiat tradizionali, che possono essere viste fisicamente, le criptovalute come Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) sono un mezzo di scambio basato su Internet che utilizza funzioni di crittografia per effettuare transazioni finanziarie. Ciò che rende queste valute molto popolari è il fatto che sono decentralizzate e praticamente immuni ai controlli da parte di governi e banche centrali. L'uso della tecnologia blockchain consente il trasferimento sicuro di queste monete tra due parti tramite chiavi private e pubbliche. La tecnologia disponibile permette il trasferimento e la negoziazione delle criptovalute più diffuse, con costi di elaborazione minimi.

Bitcoin, la prima criptovaluta, lanciata nel 2009, ha guadagnato popolarità negli ultimi anni, dopo la forte impennata di prezzo che l’ha vista passare da $1.000 all’inizio del 2017 a oltre $19.000 entro la fine dello stesso anno. A ciò ha fatto seguito il lancio di contratti future su bitcoin, da parte di borse valori note come CBOE e CME, e la crescente accettazione da parte delle istituzioni di tutto il mondo. Rispetto alla performance passata delle valute fiat, la crescita esponenziale del bitcoin è stata una cosa mai vista prima.

Attualmente, esistono più di 1,000 “altcoin” - ossia valute digitali alternative al bitcoin - ma non tutte offrono buone opportunità di trading. Allo stato, sono poche le valute digitali caratterizzate da scambi abbastanza elevati da garantire una vera liquidità. Le criptovalute più diffuse sono:

  • Bitcoin (BTC), la cripto originale;

  • Bitcoin Cash (BCH), il primo “hard fork” della catena originale del bitcoin;

  • Ethereum (ETH), un progetto ambizioso che funziona in modo diverso;

  • Litecoin (LTC), la moneta alternativa che supporta i pagamenti transfrontalieri;

  • Ripple (XRP), introdotto per affrontare problemi legati alla velocità delle soluzioni di pagamento internazionali;

  • Neo (NEO), una piattaforma innovativa, basata su blockchain, che supporta la propria cripto valuta.

How to Trade in
Criptovalute

È possibile ottenere un'esposizione alle criptovalute in modi diversi:

1. Acquisto vero e proprio

Le valute digitali possono essere acquistate utilizzando le valute fiat esistenti, ad esempio il dollaro statunitense (USD), la sterlina britannica (GBP) o il dollaro australiano (AUD). Diverse cripto sono disponibili in quantità limitata, ad esempio il bitcoin, la cui diffusione è limitata a 21 milioni di monete. Più di 18 milioni di pezzi sono già in circolazione e molti broker forex accettano adesso i bitcoin per il trading sulle valute.

L'acquisto o la vendita effettiva di una valuta digitale sono agevolati da un exchange di criptovalute che opera in quella particolare valuta. I fattori da prendere in considerazione prima di selezionare un exchange di valute digitali includono: reputazione, offerta di prodotti, commissioni addebitate, opzioni di pagamento e requisiti di verifica dell'account.

2. Fondi di investimento

Un altro metodo per investire nelle criptovalute consiste nello scegliere la strada dei fondi dedicati, come Bitcoin Cash Investment Trust o Ethereum Investment Trust. Questi fondi investono in Initial Coin Offerings (ICO) e in altre criptovalute. Sono generalmente considerati come più aggressivi e più attivi dei normali fondi. L'impiego di gestori professionali comporta un aumento dei costi e delle commissioni.

3. Fondi indicizzati su cripto

La popolarità delle valute digitali ha portato all'introduzione di fondi indicizzati sulle criptovalute. Essi sono simili ai fondi indicizzati per i mercati finanziari, con l’unica eccezione che si concentrano sugli asset digitali piuttosto che su prodotti finanziari come azioni e obbligazioni. Le criptovalute selezionate sono raggruppate e ponderate rispetto alla capitalizzazione di mercato. Crypto-10 viene da tutti considerato il fondo indicizzato di riferimento per le criptovalute, ed è comunemente usato per misurare la volatilità e le prospettive per le valute virtuali nel loro complesso.

4. Trading di CFD

Un modo semplice per negoziare le criptovalute è attraverso un broker. Invece di aprire un portafoglio digitale (c.d. “wallet”) per conservare i coin veri e propri, e negoziarli su un exchange di criptovalute, è possibile effettuare transazioni con un broker affidabile e stimato che permetta di fare trading su criptovalute tramite un account dedicato ai CFD. La negoziazione di CFD offre ai trader la flessibilità necessaria per andare sia long che short, dato che potranno speculare sui futuri movimenti di prezzo di una cripto.

La decisione di effettuare negoziazioni su un exchange, o fare trading su criptovalute tramite un broker, dipenderà dal fatto che:

1. Si desideri essere proprietari o meno delle criptovalute;

2. Si sia disposti a pagare da subito l'intero valore della cripto;

3. Si disponga di un account su un exchange;

4. Si sia disposti a pagare commissioni aggiuntive per depositi e prelievi;

5. Si disponga di un portafoglio digitale;

6. Non si desideri utilizzare la leva.

Come tutte le forme di trading, la negoziazione di criptovalute richiede una conoscenza del mercato e l'utilizzo di strategie di testate.
Una comprensione a 360° della materia consente una migliore valutazione dei potenziali rischi.

Starting trading over
10,000 products today

What are
Cryptocurrency CFDs?

I CFD, o Contratti per differenza, rappresentano un modo interessante per negoziare qualsiasi classe di attivi, poiché non comportano l'acquisto effettivo dell'asset in questione. Essi permettono di speculare sul valore futuro dell'attivo sottostante, senza possederlo effettivamente. Un CFD su criptovalute consente ai trader di prevedere i cambiamenti futuri di valore di una criptovaluta specifica. Si possono aprire contratti sulla performance di una criptovaluta rispetto a valute fiat, come il dollaro statunitense e il dollaro australiano, oppure nei confronti di un’altra cripto, ad esempio Bitcoin rispetto a Ethereum.

Riportiamo di seguito alcuni dei termini comunemente utilizzati nella negoziazione di CFD su cripto.

  • Prezzo Ask (lettera): Il prezzo al quale si può acquistare un CFD.

  • Prezzo Bid (denaro): Il prezzo al quale si può vendere un CFD.

  • Spread: La differenza tra i prezzi ask e bid dell'asset sottostante il CFD. Lo spread rappresenta il costo di transazione per il trader e viene dedotto dal profitto complessivo realizzato, o aggiunto alla perdita complessiva subita. Quindi, più contenuto è lo spread, minore è il costo di transazione per il trader.

  • Margine: La quantità di denaro che deve essere depositata per aprire una posizione su CFD.

  • Leva: Ciò che consente di negoziare CFD su criptovalute a un valore superiore rispetto al capitale detenuto nel proprio conto trading. La leva permette di ottenere un’esposizione maggiore, depositando soltanto una piccola percentuale del valore complessivo dell’operazione. Questo strumento consente ai trader di godere di maggiori profitti, se il prezzo si muove a loro favore, ma li espone a maggiori perdite, in caso di andamento sfavorevole del prezzo.

  • Andare long: Quando un trader apre una posizione in acquisto su un CFD, in previsione di un aumento del prezzo dell’asset sottostante.

  • Andare short Quando un trader apre una posizione in vendita, in previsione di un calo del prezzo dell'asset sottostante.

  • Stop Loss: Ordine che consente ai trader di fissare un livello di prezzo predeterminato, toccato il quale la posizione in CFD verrà chiusa. Ciò aiuta a ridurre al minimo le perdite se il mercato si muove in direzione opposta a quella auspicata.

  • Take Profit: Ordine che consente di stabilire il livello di prezzo al quale la posizione di un trader viene chiusa, per permettere di proteggere il profitto prima che il mercato si sposti in direzione contraria rispetto al livello indicato.

Quali sono i vantaggi del
trading con CFD su criptovalute?

Chi negozia CFD scambia la differenza di prezzo di una criptovaluta, o di un qualsiasi altro asset, tra la posizione di apertura e quella di chiusura. Ad esempio, se un trader apre una posizione long, e il valore della criptovaluta in questione aumenta, si avrà un profitto. Al contrario, se il valore diminuisce, si verificherà una perdita. Allo stesso modo, se un trader ritiene che il valore di una criptovaluta come il bitcoin diminuirà in futuro, potrebbe aprire una posizione short. Una previsione accurata genererà un guadagno, mentre un aumento di prezzo della cripto provocherà una perdita.

Il trading con CFD è molto popolare per diversi motivi:

Nessun bisogno di un portafoglio digitale: Per la negoziazione di CFD su criptovalute non è necessario disporre di un portafoglio digitale, o registrarsi presso un exchange. Inoltre, i trader non devono preoccuparsi di detenere realmente la valuta digitale e di mantenerla al sicuro.


Minacce alla sicurezza ridotte: I CFD tendono a essere più sicuri dell'acquisto effettivo di criptovalute da un exchange. L'effettuazione di operazioni di trading attraverso un broker affidabile e regolamentato fornisce una buona protezione contro la perdita di fondi o pratiche fraudolente, come gli attacchi di hacker.


Volatilità e movimenti rapidi: Il mercato delle criptovalute è noto per essere oltremodo volatile - cosa innegabile - ma i rapidi movimenti di prezzo fanno parte della sua attrattiva. La negoziazione di CFD su cripto deve basarsi su una strategia di gestione del rischio adeguata, sviluppata dopo ricerche approfondite.


Trading su base continuativa: Non esistono orari di apertura quando si fa trading su criptovalute. L'assenza di un'autorità governativa centralizzata significa che è possibile effettuare operazioni 24 ore su 24. Tali operazioni avvengono, in genere, o direttamente tra singoli individui o sugli exchange di criptovalute di tutto il mondo. Tuttavia, gli aggiornamenti infrastrutturali o i “fork” possono causare dei periodi di inattività. È possibile perfino negoziare criptovalute contro valute fiat come il dollaro americano.


Speculazioni sui movimenti di prezzo: Il trading con CFD di criptovalute permette ai trader di andare long o short, a seconda delle loro previsioni o stime dei futuri movimenti di prezzo.

Leva: Il trading con CFD avviene tramite ricorso alla leva, il che consente ai trader di aprire una posizione sfruttando il margine. Ciò significa che un trader può ottenere una notevole esposizione a una criptovaluta sborsando, o depositando, soltanto una frazione del valore complessivo del trade. Questo trading al margine consente di realizzare grandi profitti con investimenti relativamente piccoli, ma lo stesso vale per le perdite. Quindi, i trader devono essere attenti e prendere decisioni informate, tenendo bene a mente il proprio livello di tolleranza al rischio.


Utilizzo di piattaforme avanzate: I CFD su criptovalute possono essere negoziati con facilità tramite piattaforme di trading avanzate, come MetaTrader 4 e 5, le quali sono anche dotate di un'interfaccia personalizzabile. Queste piattaforme non solo semplificano l’attività di trading, ma offrono anche diversi strumenti tecnici pensati per garantire un'esperienza fluida.

Quali sono le diverse fasi della
negoziazione di criptovalute?

Avere ben chiaro come funzionano i mercati delle criptovalute, quali fattori influenzano i movimenti di prezzo, e le opzioni di trading disponibili, sono tutti elementi essenziali per chiunque desideri negoziare valute digitali. Ciò dovrebbe essere accompagnato da una decisione sulle modalità di negoziazione, se attraverso l'acquisto diretto di cripto o tramite criptofondi o CFD. Se si decide di operare tramite CFD, occorre trovare un broker consolidato, che offra un'eccellente servizio di assistenza e risorse di apprendimento, nonché un account dimostrativo (c.d. “demo”) che aiuti a prendere dimestichezza con le varie sfumature dei CFD su criptovalute.

Riportiamo di seguito i vari passaggi necessari per fare trading su valute digitali.

1° passaggio:
Finding a Good
Broker

Questo è il passo imprescindibile, e più essenziale, nel percorso verso il trading con CFD su criptovalute. Per garantire la sicurezza dei fondi, e il rispetto delle normative in materia, è necessario selezionare un broker consolidato e regolamentato. I seguenti sono alcuni dei fattori da considerare nella scelta di un broker affidabile per i CFD su criptovalute.

  • Scegliere un'entità regolamentata: Un trader dovrebbe fidarsi solo di broker regolamentati, leggendo con attenzione eventuali dichiarazione sulla trasparenza dei prodotti (o “PDS”), prima di aprire un conto “live” per fare operazioni. In Australia, i broker sono tenuti ad avere una licenza denominata “Australian Financial Services License” (AFSL), mentre nel Regno Unito i servizi finanziari sono regolati dalla Financial Conduct Authority (FCA).

  • Controllare la reputazione:È importante valutare il track record e la reputazione di un broker. Verificare che esso garantisca la segregazione dei fondi dei clienti, ovvero che tali fondi siano separati dal capitale proprio del broker. Scegliere un broker che effettui regolari audit dei conti, avvalendosi di società di revisione esterne, oltre a fornire regolarmente i propri bilanci ai clienti.

  • Leva: La leva è un fattore molto importante da considerare quando si negoziano CFD. Non è semplice quanto la scelta di un broker che permetta di fare trading con leva elevata. Scegliere un broker che offra un livello di leva che faccia sentire a proprio agio.

  • Controllare le opzioni di trading e le criptovalute offerte: Occorre assicurarsi che le opzioni di trading offerte dal broker includano le criptovalute che si desidera negoziare.

  • Piattaforma di trading:Optare per un broker che offra una piattaforma di trading semplice ma efficace, come MetaTrader 4 o MetaTrader 5. Queste piattaforme estremamente facili da usare sono dotate di strumenti e risorse integrati, che rendono l'intero processo di negoziazione delle criptovalute semplice e fluido.

  • Spread: Gli spread e le commissioni addebitate da un broker determinano il costo del trading e devono essere quindi oggetto di valutazione prima di aprire un conto.

  • Qualità del servizio:Il servizio di assistenza clienti è molto importante per i trader che iniziano a trattare i CFD, e possono aver quindi bisogno di aiuto, di tanto in tanto. Per cui, scegliere un broker rinomato per l’eccellenza del servizio di assistenza offerto.

  • Facilità di pagamento: Infine, controllare le opzioni di pagamento offerte dal broker per assicurarsi di poter depositare o prelevare fondi dal conto in modo tempestivo.

2° passaggio:
Aprire un conto

Una volta scelto il broker per il trading su CFD, è necessario aprire un conto trading. La maggior parte dei broker affidabili consente l'uso di un account demo all’inizio, in modo da potersi abituare alla piattaforma, agli strumenti e al ritmo del trading. È quindi possibile passare a un conto “live” dove poter depositare fondi.

3° passaggio:
Building a
Trading Plan

Adesso che si sono scelti gli strumenti per il trading, è necessario fare qualche ricerca per definire il piano di trading. Dato che la negoziazione di criptovalute è soggetta a volatilità, occorre considerare tutti gli eventuali rischi prima di poter sviluppare un piano. Elencare i propri obiettivi, identificare il livello di assunzione del rischio più adeguato e, quindi, delineare una strategia di trading che includa misure come livelli di stop loss e take profit. È possibile utilizzare le risorse offerte dal broker, oppure le opzioni integrate nella piattaforma di trading, per prendere decisioni informate.

4° passaggio:
Iniziare a fare trading

Adesso che si dispone di una strategia pronta all’uso, è necessario passare all'azione ed aprire una posizione long (in acquisto) o short (in vendita), a seconda delle aspettative sui futuri movimenti di prezzo. Indipendentemente dal fatto che si sia deciso di negoziare Bitcoin, Ripple o Ethereum, occorre:

  • Controllare i prezzi denaro/lettera.

  • Decidere la dimensione della posizione, tenendo a mente la leva utilizzata, lo spread offerto e il proprio appetito per il rischio.

  • Utilizzare strumenti quali lo stop loss e gli ordini al limite, e implementarli nella propria strategia di gestione del rischio.

  • Una volta aperta una posizione, tenere sotto controllo il profitto o la perdita nella sezione dedicata alle posizioni aperte della piattaforma di negoziazione.

  • Chiudere la posizione una volta raggiunto l'obiettivo.

Come gestire i rischi
insiti nel trading con CFD su
criptovalute?

La natura estremamente volatile delle criptovalute rende l’attività di trading altamente rischiosa. Ma una strategia ben pianificata, e un monitoraggio costante, possono aiutare a gestire il rischio implicito. La mitigazione e la gestione del rischio, e la monetizzazione dei profitti, sono possibili impostando livelli automatici di stop o di ordini al limite, oltre a definire il livello a cui si desidera chiudere la posizione.

A parte ciò, si dovrebbe:

  • Mantenere sempre un margine adeguato nel conto trading, per evitare chiusure inaspettate della posizione a causa di fondi insufficienti.

  • Impostare avvisi sui prezzi, in modo da essere sempre al corrente di rialzi o ribassi superiori al previsto dei prezzi delle criptovalute.

  • Tenere costantemente sotto controllo l’account e i movimenti di prezzo, in modo da poter agire rapidamente, se necessario.

  • Utilizzare la leva tenendo sempre bene a mente la propria tolleranza al rischio.

Quindi, una buona conoscenza del funzionamento delle criptovalute, e dei fattori che le influenzano, nonché una strategia di trading ben pianificata, con adeguate misure di gestione del rischio, possono aiutare i trader ad avere un’esperienza soddisfacente in materia di criptovalute.

Inizia a fare trading
in pochi minuti

Apri un conto ora

bullet Accesso a oltre 10.000 strumenti finanziari
bullet Apertura e chiusura automatica delle posizioni
bullet Calendario economico e delle notizie
bullet Indicatore tecnico e grafici
bullet Molti altri strumenti inclusi

Fornendo il tuo indirizzo email accetti l’Informativa sulla privacy di FP Markets e confermi di voler ricevere materiali di marketing in futuro da FP Markets. Puoi richiedere la cancellazione in ogni momento.





Get instant Updates in Telegram
Mappa del sito | © FP Markets 2020